mercoledì 24 ottobre 2012

Occhi stanchi? La soluzione in uno spray

Chissà a quanti e quante volte sarà capitato di soffrire di secchezza oculare. Mi riferisco a quella fastidiosa sensazione per cui ogni tanto sembra proprio che all’interno dell’occhio non sia rimasta neanche una singola goccina di liquido lacrimale e ad ogni movimento della palpebra si ha come l’impressione che la sensazione di asciutto, prurito - quando non addirittura bruciore - tenda ad aumentare. Si tratta di un fastidio molto comune e diffuso causato magari dalle troppe ore trascorse davanti al pc o all’aria condizionata, dell’inquinamento atmosferico o semplicemente per aver richiesto ai nostri occhi uno sforzo eccessivo.

Sono tutte sensazioni che a me personalmente sono molto familiari sia perché trascorro tanto tempo davanti lo schermo del computer e sia perché – da portatrice di lenti a contatto – sono spesso soggetta soprattutto a fine giornata – ai disturbi precedentemente elencati. Ecco perché nella mia borsetta non devono mancare mai le lacrime artificiali grazie alle quali riesco spesso a risolvere il mio problema di occhi stanchi e secchezza oculare. Se solo non fossero così poco pratiche…

Infatti, non è sempre facile trovare qualcuno disposto a somministrare le gocce al posto mio e quando devo occuparmene da sola è davvero un’impresa mantenere aperta la palpebra, resistere alla tentazione di chiuderla, lasciare andare la lacrima artificiale e centrare l’occhio sperando di disperderne fuori il minimo possibile. Senza contare che spesso mi capita di avere bisogno di queste salvifiche gocce quando sono fuori casa e magari un’applicazione maldestra e frettolosa è la via più rapida per sciogliere via il trucco e trasformarmi in una maschera.

Ottime notizie, sia per me sia per quanti si siano trovati almeno una volta nella mia situazione, sembrano arrivare dal lancio di un rivoluzionario prodotto, opticalm lipomyst, uno spray oculare che, a differenza delle lacrime artificiali, va applicato direttamente sulla palpebra chiusa.

Il funzionamento di questo spray è estremamente semplice e affidato all’azione di alcuni liposomi di cui è composto che agendo sulla parte esterna dell’occhio – sulle palpebre, per l’appunto – intervengono per ridurre l’evaporazione lacrimale che è la causa principale della secchezza oculare. Dopo aver spruzzato, il naturale movimento di apertura e chiusura delle palpebre basterà a distribuire i liposomi all’interno dell’occhio i quali poi andranno a ripristinare il film oculare danneggiato o seccato e ripristineranno l’idratazione di cui i nostri occhi necessitano per una corretta visione.

Garantendo dunque una lubrificazione ottimale dei nostri preziosi organi della vista, prurito, secchezza e bruciore diventano un ricordo. Ma non solo.

Non va sottovalutato infatti il guadagno in termini di praticità, perché per applicare lo spray opticalm lipomyst non occorre prendere alcuna mira, non serve l’ausilio di uno specchio, non si corre il rischio che il trucco si sciolga e non c’è bisogno di un' altra persona che somministri il prodotto al posto nostro. In effetti, cosa c’è di più semplice e diretto di una spruzzata, per giunta ad occhi chiusi?

Inoltre, lo spray opticalm lipomyst può tranquillamente essere applicato anche in presenza di lenti a contatto e una stessa boccetta spray può essere utilizzata anche da più persone dal momento che non è previsto alcun contatto con l’occhio.

Infine, altra nota assolutamente positiva è la durata del prodotto che supera di gran lunga i 28 giorni risicati previsti per le lacrime artificiali; infatti, dopo l’apertura, opticalm lipomyst può essere conservato per ben 6 mesi.

Per maggiori info, non esitate a dare un’occhiata al video a seguire.

 

 






Articolo sponsorizzato

2 commenti:

  1. Ne ho sentito parlare benissimo anche qui in Germania nelle riviste specializzate. Quindi ottimo consiglio. L´avevo giá messo in preventivo

    RispondiElimina
  2. troppo comodo.... questo prodotto è stata una vara benedizione!
    m.c.

    RispondiElimina