giovedì 24 maggio 2012

Neonati: lasciarli piangere potrebbe aumentare il loro livello di stress

Una delle tecniche più diffuse e abbracciate da molti genitori per cominciare ad educare i propri figli sin da piccolissimi consiste nel lasciare che i piccolini si addormentino a furia di piangere.
Mentre la madre verosimilmente monitora la situazione da una stanza vicina, infatti, il neonato piange, versa copiosi lacrimoni e si dispera in cerca di una coccola, un abbraccio, una dondolata. Questo metodo, chiamato genericamente "pianto controllato", è in realtà molto popolare tra i genitori e ha come unico scopo quello di evitare fastidiose routine, sperando che il piccolo rinunci alle cattive abitudini.

Alcuni studiosi americani però hanno pensato bene di studiare le reazioni e i comportamenti di  alcuni neonati - tra i quattro e i dieci mesi - sottoposti al metodo del pianto controllato per verificarne la eventuale effettiva efficacia.
In particolare, questo team universitario del Nord del Texas ha esaminato i livelli di cortisolo, un ormone che misura i livelli di stress nell'organismo.
Tra i primi risultati raccolti, si è notato che i neonati lasciati piangere in attesa che si addormentassero senza conforto alcuno, già al terzo giorno riuscivano a cedere al sonno più rapidamente. La durata del pianto infatti andava riducendosi di giorno in giorno mentre i piccoli riuscivano ad addormentarsi beatamente.
Ma lo studio ha riservato una brutta sorpresa a questo gruppo di studiosi. 
Nonostante infatti questo risultato apparentemente positivo, misurando i livelli di cortisolo nella saliva dei neonati si è notato che questi rimanevano molto elevati, esattamente come sarebbero stati se il bambino avesse continuato a piangere. 
Dunque, la risposta comportamentale dei neonati comparata a quella fisiologica ha mostrato una significativa discrepanza e nonostante il sonno beato del bimbo potesse far pensare ad un tranquilla serenità, in realtà i livelli di stress e di disagio per il mancato conforto ricevuto erano rimasti elevati ed immutati.
Certo, gli studiosi, risultati alla mano, continuano a non sconsigliare il metodo del pianto controllato pur invitando i genitori a cercare il giusto equilibrio.
  



(Foto di Pudgeefeet - Flickr)

4 commenti:

  1. Le mie han sempre dormito come ghiri... camomilla e ronf ronf ronf :-)

    RispondiElimina
  2. fortunata laura! non pensavo che aumentassero addirittura i livelli di cortisolo nel sangue...
    poveri bimbi, già stressati appena nati!

    RispondiElimina
  3. @Laura: ma che meraviglia! Io in genere funziono a camomilla e ronf ronf... Anzi spesso anche solo ronf ronf! Speriamo allora che il piccolino o la piccolina prendano dalla mamma!
    @Monica: davvero da non credere. Poveri piccoli.

    RispondiElimina
  4. Mai fatti piangere, sempre cullati e nel lettone da piccoli. Sapevo di far loro del bene ^_^

    RispondiElimina