martedì 17 aprile 2012

L'esercizio fisico come aiuto per la memoria e l'apprendimento


Che svolgere una regolare attività fisica fosse una mano santa per il generale benessere psico-fisico dell'uomo era già noto a tutti. Ma di recente uno studio svolto da un team di scienziati americani ha svelato addirittura che lo sport, svolto almeno per un'ora al giorno in maniera costante e regolare, determina un sensibile miglioramento delle facoltà mentali legate alla memoria e all'apprendimento.
In particolare, spiegano questi studiosi dall'Illinois, i migliori risultati sono apprezzabili già dopo un semestre almeno di regolate attività fisica, sia che si tratti di andare in bicicletta o di semplice camminata.

La notizia più sensazionale però è che gli straordinari benefici sulla memoria e sulla capacità di problem solving sono stati riscontrati anche nei bambini e negli anziani.
Va da sè che un approccio sportivo di questo genere potrebbe essere visto anche nell'ottica del raggiungimento di migliori risultati scolastici per i bambini o nella lotta contro l'invecchiamento e la perdita di memoria per gli anziani.
Gli studi sperimentali e test condotti da questo gruppo di scienziati infatti non sembrerebbero lasciare adito a dubbi confermando che lo sport, oltre ai ben noti benefici sulla circolazione sanguigna e nell'azione antidiabete, apporta anche sorprendenti miglioramenti cognitivi così come ampiamente dimostrato dalle applicazioni pratiche di tali speculazioni. 
Nello specifico è stato riscontrato che i bambini "fit" soccombono meno alla distrazione, sono in grado di compiere più azioni contemporaneamente e riescono ad attraversare un incrocio ascoltando musica e intrattenendosi in una conversazione senza il minimo calo di attenzione. Analogamente, circa il 15, 20% degli anziani interessati ha risposto in modo sensazionale ai benefici risvolti ottenuti dalla regolare attività fisica, riuscendo di fatto a contrastare significativamente l'invecchiamento del cervello e dimostrando di poter mantenere la memoria in maniera decisamente più salda della media.
Dunque si tratta di studi che meritano tutta l'attenzione possibile e che confermano ancora una volta quanto sia essenziale non cedere alle ingannevoli lusinghe di una vita votata alle sedentarietà.

(Foto di Ed Yourdon - Flickr)

Nessun commento:

Posta un commento