mercoledì 18 aprile 2012

Acne: un nuovo trattamento a base di timo potrebbe agevolarne la scomparsa


Fino a questo momento creme, cremine e pomate varie sono state i rimedi più diffusi - anche se spesso poco risolutivi - per contrastare l'avanzata dell'acne e ridurne gli effetti sulla pelle del volto. 

Ma secondo studi recentissimi effettuati da specialisti del settore, per questi antiestetici crateri batterici è forse stato trovato il nemico principe in grado di debellarli. Si tratterebbe del timo, erba parecchio diffusa nella cucina mediterranea, che questa volta potrebbe trovare applicazione medicinale.



Le cure tradizionali e i normali lavaggi antibatterici spesso infatti non si sono rivelati la soluzione perfetta, causando effetti collaterali e spiacevoli soprattutto a soggetti con pelli particolarmente sensibili che male sopportano l'aggressione dei composti esistenti in commercio. Invece il timo - e in minore parte, la mirra e la calendola - sarebbe una valida alternativa tutta al naturale che dai test effettuati ha dimostrato di essere in grado di uccidere il batterio responsabile di queste infezioni cutanee dopo soli cinque minuti di esposizione, rivelandosi in tal modo il metodo più efficace per sconfiggere l'acne.

Il problema delle pomate e dei prodotti destinati alla cura dell'acne risiede principalmente nella presenza di perossido di benzoile, primo imputato per gli effetti collaterali generalmente lamentati dai soggetti interessati, tra cui rossori e infiammazioni più o meno severe.

Una tintura di timo invece, spiegano questi scienziati, non solo si presenterebbe come rimedio erboristico e naturale ma addirittura apporterebbe dei benefici maggiori, risultando in definitiva di gran lunga più efficace. 

Largo dunque ai rimedi naturali!

(Foto di Brunifia - Flickr)

Nessun commento:

Posta un commento